Due krasnoyarsk cinema ha deciso di abbandonare il noleggio di film di Tony Insegnanti «Matilda» a causa di minacce provenienti. Sugli errori nello svolgimento di programmazione dei film riferiscono e, in Jugoslavia, e a Nižnij Novgorod. In un certo numero di altre regioni cinema hanno preso una posizione e osservano come si svolge la situazione intorno al modello di ballerina Matilde Ксешинской e околоправославных radicali provato che il regista ha gettato un’ombra sulla reputazione canonizzato Nicola II.

Nessuno krasnoyarsk cinema non ha confermato che sarà in mostra «Matilda», riferisce TRK7. «Cinema Parco» e «Fascio» già segnalato guasti, gli altri ancora non hanno preso una decisione. Quando i rappresentanti di tutte le sale cinematografiche ha rifiutato di discutere di rotolamento delle prospettive di film con i giornalisti sulla fotocamera — per motivi di sicurezza.

In Kamchatka «Matilda» saranno in mostra non in tutte le sale cinematografiche. «Più кинопрокатными organizzazioni in Kamchatka krai davvero presa la decisione di non includere il film «Matilda» nel loro repertorio. Tale cittadinanza dirigenti di queste organizzazioni», informa il Ministero della cultura della regione.

Servizio stampa ufficio sottolineanoche киноцентрам in precedenza, sono state inviate lettere, «informano organizzazione di entrata in organi esecutivi della regione dei cittadini in materia di limitazioni in Kamchatka provincia di noleggiare il film «Matilda». «L’organo esecutivo della regione la deve in una situazione simile rispondere al crescente numero di cittadini e di comunicare in indirizzo кинопрокатных organizzazioni della situazione, associata con un aumento della tensione sociale. Ma, come ha sottolineato il Capo del dipartimento cinema del Ministero della cultura Russo Vyacheslav Тельнов, il limite di film a noleggio è possibile solo per decisione distributori nella sua organizzazione, così come rullato identità film di Tony Insegnanti «Matilda» Ministero della cultura della Russia ha pubblicato e distribuito sul territorio di tutto il paese», — ha sottolineato nella conferenza stampa di servizio.

Inoltre, scrive «Versione», dal noleggio di pittura ha iniziato a rifiutare il cinema della regione di nizhny Novgorod.

Si noti, prima che il capo dell’organizzazione «stato Cristiano — Santa Rus ‘» Alexander Kalinin si è vantato del fatto che il MINISTERO dell’interno 47 volte ha rifiutato di procedimenti penali a causa di lettere, che i membri dell’organizzazione inviare cinema. Nel suo commento per la stampa il leader di membri ha detto che lui e il suo movimento non minacciano, ma solo avvertono l’esistenza di forze distruttive, scontenti film di Tony Insegnanti.

Con questo in lettere a indirizzo cinema, diretto dal nome di questo околоправославной organizzazione, ha detto che qualsiasi pubblicità di «Matilda» sarà considerato come l’intenzione di umiliare santi ortodossi e provocazione «russo майдара», e l’appello alle forze dell’ordine — come il desiderio di guadagnare in immagine. «Per ogni passo contro l’Ortodossia, dei Santi, della Russia, del popolo Russo e il Presidente, per qualsiasi provocazione alla guerra civile, per ogni vostra indicazione positiva sul film «Matilda», i nostri Fratelli saranno prese радикальнейшие metodi di lotta contro l’illegalità e la follia», — ha detto pubblicati i destinatari dei messaggi.

Il deputato della Duma di stato Natalia Poklonskaya, che nel corso di un anno conduce una campagna mirata per il divieto del film «Matilda», alla vigilia ha chiesto di revocare rullato identità nei dipinti del Maestro. Ha suggerito che Pubblica il consiglio non è riuscito a vedere il film. Inoltre, ha richiamato l’attenzione sulla «reazione negativa nella società».

«Quello che vediamo oggi, è la manifestazione di eventuali radicali detti, di estremismo, di crimini, reati. Questo, naturalmente, è il motivo per rivedere la decisione», — ha sottolineato il deputato della Duma di stato.

Alex Insegnante: come faremo a incoraggiare Matilda?

Produttori: Per iniziare присоединим alla Russia di Crimea…



A Brescia e in Jugoslavia cinema rifiutano di noleggio «Matilde» 14.09.2017