A Chisinau ha reagito al decreto del presidente non riconosciuta Moldava della Repubblica Yevgeny Shevchuk, secondo il quale il sistema giuridico PMR deve essere portato in conformità con la legislazione russa. Il primo ministro della Moldavia Paolo Philip chiamò l’ordine del leader della Transnistria populista alla vigilia delle elezioni presidenziali in regione.

Shevchuk 7 settembre, ha firmato il decreto di attuazione dei risultati repubblicano referendum tenutosi il 17 settembre 2006, in cui la maggior parte orientale hanno votato per l’indipendenza della propria regione e la successiva annessione della Transnistria alla federazione RUSSA. «Transnistria si prepara alle elezioni, credo che questo decreto populista del movimento, che è orientata dal punto di vista elettorale» — ha commentato il primo ministro della Moldavia disposizione leader secessionista PMR (citazione di Independent.md).

Il suo decreto Shevchuk ha stabilito sulla base del risultato del referendum del 2006, portare il sistema giuridico della Transnistria in conformità con la legislazione federale della Federazione Russa. Gli atti giuridici contrari sistema legislativo della federazione RUSSA, non saranno oggetto di domanda. Per l’esecuzione del decreto in due settimane dovrebbe essere istituito la commissione di stato, che presenterà il piano e i tempi di esecuzione gli ordini del presidente. Controllare l’armonizzazione di due legislazioni incaricato il primo ministro PMR.

Il referendum sull’indipendenza PMR ha avuto luogo il 17 settembre 2006. Gli abitanti della Transnistria è proposto di rispondere alle domande: 1. Sostieni corso per l’indipendenza della repubblica Moldava e la conseguente libera adesione Transnistria alla Federazione Russa; 2. Ritenete possibile rifiuto da indipendenza della repubblica Moldava seguita da ingresso Transnistria parte della Repubblica di Moldova. Secondo приднестровских delle autorità, la stragrande maggioranza ha votato per l’indipendenza e l’unificazione con la Russia.

Quando a Chisinau in anticipo hanno annunciato che non intendono riconoscere i risultati del referendum, definendolo «provocatorio» e «frivolo».

La duma di stato della federazione RUSSA del 6 ottobre 2006 ha adottato una risoluzione sul riconoscimento della transnistria referendum sull’indipendenza legittimo. Moldavia, Ucraina, UE, Consiglio d’Europa e l’OSCE non ha riconosciuto i risultati del plebiscito.

L’elezione del presidente della Moldavia sono in programma per il 30 ottobre 2016. Dal 2000 le elezioni presidenziali sono state effettuate da parte del parlamento. La corte costituzionale il 4 marzo 2016 ha dichiarato incostituzionale la riforma della Costituzione del 2000, restituendo Moldavia a uno scrutinio nazionale di elezione del capo dello stato.

Tuttavia CEC Transnistria ha annunciato l ‘ 11 dicembre 2016 la data di svolgimento delle elezioni del presidente della repubblica non riconosciuta. Dal 12 settembre prende il via la campagna elettorale. Le ultime elezioni presidenziali in PMR si sono svolte nel mese di dicembre 2011, quando la vittoria di Shevchuk.



A Chisinau ritenuto populismo decreto del capo PMR sull’attuazione dei risultati del referendum sull’indipendenza della Transnistria 09.09.2016