Il potere in Afghanistan riportano in scala di un attacco di militanti del movimento dei Talebani nel nord-est del paese. I terroristi cercano di espugnare la capitale della provincia di Kunduz.

Secondo la polizia, l’offensiva va subito in tre direzioni. I militanti del movimento «Talebano» per la seconda volta per un anno cercando di espugnare la città di Kunduz, dove poliziotti e militari, addestrati NATO scoraggiare un attacco quasi senza l’aiuto di militari straniere, riferisce Reuters.

Attacco dei talebani è iniziato alle 6 del mattino di lunedì (4:30 ora di mosca). Tiro e raffiche di artiglieria pesante sono stati ascoltati nel centro della città di Kunduz. «Ora pesanti combattimenti in corso in Ханабаде, Чардаре e l’Imam Сахибе — principali ingressi alla città, ha detto Said Sárvár Хусаини, un portavoce della polizia Кундуза. — Abbiamo la forza sufficiente, e presto siamo in attesa di rinforzi».

I talebani sostengono che sono riusciti a catturare 200-un ospedale locale e gli edifici governativi. Secondo i dati del servizio Russo della BBC, durante i combattimenti, morti i due locali, altri 34 persone sono state colpite. Su entrambi i lati c’è una perdita, ma l’esatto numero delle vittime non si dice.

Dopo alcune ore di scontri militanti hanno detto che in parte hanno occupato il centro della città. Secondo il testimone, la battaglia si è svolta in due zone, a meno di un chilometro dalla residenza del governatore. Questa informazione confermato la sorgente di forze di sicurezza del governo.

Se insorti e riesce a prendere la città, diventerà un punto di svolta nella lotta tra i ribelli e le forze governative, anche se in precedenza le forze Armate in Afghanistan è riuscito a scacciare i talebani con la maggior parte occupati da loro territori.

La guerra in Afghanistan è iniziata nel 2001 nell’ambito di risposta gli attacchi terroristici di Al-Qaeda negli stati UNITI l ‘ 11 settembre 2001. Americana-terrorism operazione denominata «Enduring freedom».

Il graduale ritiro delle truppe USA e NATO in Afghanistan è iniziata nel 2011. L’anno scorso, Washington ha annunciato la fine dell’operazione militare. La nuova missione degli stati UNITI e della NATO in Afghanistan, finalizzato alla formazione, consulenza e assistenza alle forze di polizia e dell’esercito.

Con l’inizio del ritiro degli stati uniti militari la situazione a Kunduz è notevolmente aumentato. La città divenne un centro di violenti combattimenti tra i talebani e le forze governative.

Nel mese di febbraio 2015 si è appreso che il manuale di esplorare la possibilità di salvare l’esercito in Afghanistan di un contingente più grande di quanto prevedevano i piani di riduzione della presenza militare. Nel mese di marzo il presidente degli stati UNITI Barack Obama ha sospeso il ritiro delle truppe dall’Afghanistan, распорядившись lasciare entro la fine del 2015 di circa 10 mila militari americani.

L’altro giorno è venuta a conoscenza che il comando militare americano ci sono diverse opzioni per lo sviluppo di eventi: la conservazione della presenza degli stati UNITI in Afghanistan al livello attuale al 10 di migliaia di soldati, una riduzione del loro numero a otto mila, diminuzione della metà. Un’altra opzione prevede la presenza nel paese di poche centinaia di militari americani entro la fine del 2016.

I funzionari degli stati UNITI e dei paesi partner temono che la riduzione del numero di soldati in Afghanistan, porterà una maggiore influenza dei militanti nel governo del paese. Attualmente, la forza internazionale di assistenza nella preparazione delle forze afgane e non prendono parte in operazioni di combattimento contro unità del movimento dei Talebani e terroristi dal gruppo «Al-Qaeda».




I talebani hanno iniziato l’assalto alla capitale della provincia di Kunduz, nel nord-est dell’Afghanistan 28.09.2015