Russo investment forum a Sochi il vice primo ministro Dmitry Kozak ha riconosciuto l’esistenza di gravi problemi con l’attuazione delle regioni a qualsiasi propria politica finanziaria, scrive il quotidiano «Kommersant». Edizione ritiene che il governo russo, in questo modo, ha visto il problema di un eccesso di regolamentazione regionali di spesa.

Il giornale ricorda che si tratta di estremamente grandi soldi che in gran parte determinano il carattere di tutti i problemi delle economie regionali. Nel 2016 trasferimenti del centro federale per la regione pari a 1,56 miliardi di rubli, per il 2017 è prevista l’enumerazione di 1,6 miliardi di rubli trasferimenti, entro il 2019, devono scendere a 1,5 miliardi di rubli.

Il vice-premier Kozak si è esibito in una tavola rotonda dedicata al tema delle relazioni intergovernative. Nel suo corso, non solo ha sottolineato l’esistenza di problemi, ma ha annunciato la formazione di un governo di decreto che modifica le norme di cofinanziamento dei programmi di governo. Inoltre, un alto funzionario ha riferito che le autorità sono consapevoli della situazione di stallo, che per molti anni è passata e ora sono passata lo stesso concetto delle relazioni intergovernative.

Secondo Kozak, nella stragrande maggioranza dei casi a livello di normative, regolamenti e condizioni delle Finanze per la distribuzione di trasferimenti alle regioni, infatti, privo di qualsiasi possibilità di disporre anche propri di bilancio entrate — oltre il 95% delle loro spese de facto sono normalizzati centro federale.

A questo proposito, ha sottolineato il vice-premier, ora forse anche la discussione «sollevamento» di una serie di poteri delle regioni sul livello del centro federale. Egli ritiene che in assenza di regioni la possibilità di definire la propria politica di questo passo sembra razionale.

Il problema esistente, come osserva edizione, ha riconosciuto quasi tutti hanno partecipato alla discussione. Tuttavia, sono stati solo in grado di dimostrare che qualsiasi tipo di messaggistica di una nuova ideologia delle relazioni intergovernative, che potrebbe risolvere i risultati non meno di dieci anni di evoluzione межбюджетной ideologia, di lavorare in modo rapido non riuscirà.

Così, il capo del Centro di sviluppo strategico (ЦСР), l’ex ministro delle finanze Alexei Kudrin ha invitato a restituire almeno una parte del bilancio della libertà regione e, forse, di trasmettere loro parte federali di controllo funzioni di vigilanza, che ora sostanzialmente limitare le libertà e le opportunità di investimento centro.

In risposta, il ministro delle finanze Anton Siluanov ha richiamato l’attenzione sul fatto che l’idea in sé di consolidamento dei trasferimenti intergovernativi e di fornire alle regioni una maggiore libertà nell’attuazione della propria politica il ministero delle finanze è supportato.
Tuttavia, molti tipi di sussidi di bilancio sono, infatti, gli strumenti di regolazione di settori dell’economia, e il loro trasferimento al livello delle regioni richiederà dal centro federale ricerca di altri modi di influenza.

L’argomento principale contro la «regionale bilancio della libertà» ha presentato il capo della corte dei Conti Tatiana Golikova. Secondo lei, è di bassa qualità regionale per la pianificazione di bilancio e la revisione costante nelle regioni già adottate e di bilanci, ma anche il rifiuto di un finanziamento completo regionali poteri.



Il governo ha richiamato l’attenzione sul problema di un eccesso di regolamentazione di spesa delle regioni 28.02.2017