A Parma la corte ha modificato la misura di prevenzione blogger Ruslan Соколовскомуaccusato di estremismo a causa di giochi a Pokemon Go nel Tempio sul Sangue, con la detenzione agli arresti domiciliari, sotto il quale rimarrà fino al 1 marzo, passa «Interfax».

Nell’autunno dello scorso anno locale, il tribunale distrettuale ha concluso il giovane in carcere per due mesi, tuttavia, l ‘ 8 settembre il tribunale regionale ha cambiato Соколовскому misura preventiva per i domiciliari. Allora il blogger è stato vietato di uscire di casa, di comunicare con gli altri imputati nel caso, e anche godere di telefono e altri tipi di comunicazione, compreso internet.

28 ottobre Соколовскому di nuovo cambiato la misura di prevenzione con arresti domiciliari per detenzione, perché ha violato le condizioni di arresti domiciliari — a lui venivano i visitatori.

Top-Исетский corte distrettuale di Ekaterinburg, 19 gennaio, ha accolto la domanda di effetto di estendere le misure di restrizione in forma di detenzione Sokolov in carcere fino al 22 febbraio. In seguito il tribunale regionale ha confermato la decisione della corte distrettuale senza modifiche.

A fine gennaio si è appreso che contro il blogger, accusato di estremismo, ha iniziato un altro procedimento penale — sui traffici di armi non letali per le informazioni segrete. Secondo l’avvocato Alexei Бушмакова, l’occasione per avviare il procedimento è rilevata durante una perquisizione a casa di Sokolov penna stilografica con la videocamera.

Procedimento penale per gli articoli «Azioni volte a eccitazione all’odio o inimicizia» e «azioni Pubbliche, che esprimono una chiara mancanza di rispetto alla società e commessi al fine di insulti sentimenti religiosi dei credenti» su Sokolov ha iniziato all’inizio di settembre 2016.

Il motivo di ricorso in acciaio scatto e condivisione in Rete l ‘ 11 agosto del video su come ha giocato a Pokemon Go nel Tempio sul Sangue. Il rullo ha suscitato l’indignazione ortodossi personaggi e interessa gli organi di polizia. Letture su Sokolov ha dato ekaterinburg blogger e ortodosso attivista Maxim Rumyantsev, passando il testimone al caso. Ha ottenuto la fama dopo aver parlato con il presidente del forum «fronte popolare» nel 2015.

Nel mese di dicembre il centro per i diritti «Memorial» ha chiamato Sokolovsky prigionieri politici e ha chiesto la sua immediata liberazione. Secondo i difensori dei diritti umani, azioni blogger non cadono sotto l’articolo 282 del codice PENALE («Azioni volte a eccitazione all’odio o inimicizia»), perché «pubblicati i rulli contengono turpiloquio in indirizzo cristiani e musulmani, ma in loro non c’è pericolo di ricorsi».



La corte di Ekaterinburg ha cambiato la misura di prevenzione «ловцу pokémon» Соколовскому per i domiciliari 13.02.2017