L’Agenzia per l’assicurazione dei depositi (DIA) ha calcolato che le perdite nette gli investitori russi nelle banche, che hanno perso la loro licenza, nel 2016, pari a circa 45 miliardi di rubli, scrive il quotidiano «Izvestia». Si, in primo luogo tratta di strumenti in deposito superiori a 1,4 milioni di rubli e non покрывающихся assicurazione.

Tuttavia, questa valutazione non completamente riflette la scala perdita di clienti di banche crollato. Dallo scorso anno, i casi di identificare i cosiddetti тетрадочных, o fuori bilancio, dei depositi, che non si riflettono nei bilanci degli istituti di credito. Per lui i pagamenti vengono effettuati individualmente attraverso il ripristino della contabilità sulla base dei documenti forniti dagli investitori.

Gli esperti, con i quali ha parlato edizione, si ritiene che entro fine anno la quantità di perdita aumenta. Così, solo venerdì scorso, la banca centrale ha lasciato senza una licenza di quattro banche. Secondo le stime RAEX («Esperto di RA»), solo gli investitori di questi istituti di credito possono perdere circa 2,8 miliardi di rubli.
In generale, con l’inizio dell’anno il regolatore ha ritirato la licenza di 80 banche, in cui i russi hanno tenuto 501,4 miliardi di rubli di risparmio. In DIA stimano la quantità di responsabilità per il pagamento di assicurazione investitori a 447 miliardi di rubli.

Un anno prima, è stato revocato il 77 licenze, e l’importo del risarcimento assicurativo stato pari 369,2 miliardi di rubli. Secondo l’agenzia, la percentuale media di soddisfare le richieste dei creditori delle banche in fallimento il 1 ° ottobre pari a 34,4%.

Insieme con la perdita dei cittadini in banca fallita crescono e le perdite delle persone giuridiche, che poco più di un anno ammontano a circa 230 miliardi di rubli. Secondo i dati della DIA, i requisiti delle persone giuridiche nell’ambito della terza fase dei creditori nel 2016 sono soddisfatto in media del 16% (investitori privati ricevono indietro di quasi il 70%).

Società «Agenzia per l’assicurazione dei depositi», creato nel dicembre 2003, gestisce il Fondo obbligatorio di assicurazione dei depositi, che fanno contributi banche partecipanti e da cui compensi corrisposti ai depositanti, se la loro banca ha smesso di funzionare.

Le banche, selezionabili DIA di concorso per il pagamento di rimborsi agli investitori privi di licenza banche, pagano l’assicurazione per le vittime dei loro mezzi, e DIA quindi compensa l’importo speso.

Il fondo di assicurazione costantemente diminuita dal 2013, quando la banca centrale ha iniziato la perlustrazione del settore bancario. Il suo ricostituire attraverso prestiti banca centrale, ma anche a causa di aumento dei premi assicurativi a carico delle banche appartenenti al sistema di assicurazione dei depositi, se essi offrono contributi con scommesse, superiori al tasso di base banca centrale di oltre 3 punti percentuali

La DIA ha il diritto di ricorrere ai finanziamenti pagamenti di assicurazione per i crediti banca centrale, se la dimensione del Fondo obbligatorio di assicurazione dei depositi scende al di sotto di 40 miliardi di rubli.

Lo scorso autunno il limite di una linea di credito banca centrale, aperto per la DIA, è cresciuto fino a 820 miliardi di rubli. Secondo la banca centrale, il 7 ottobre, ha approvato in precedenza il limite di 600 miliardi di rubli in quel momento è stato scelto 444 miliardi di rubli.



La DIA ha calcolato le perdite nette dei depositanti delle banche, privi di licenza nel 2016 15.12.2016