Gli investigatori FSB suscitato un procedimento penale nei confronti di un ex trafficante di droga, accusato di incitamento al terrorismo. Dopo l’uscita di un condannato a morte da una colonia di addetti alla sicurezza «ricordata» lui le conversazioni che ha avuto con gli altri detenuti sul tema dell’islam radicale.

«L’uomo è stato arrestato in un momento di liberazione da IR-1 loro famiglie Russa di Sakhalin», scrive Sakhalin.info con riferimento a press-di servizio regionale per la gestione del FSB.

Secondo la versione degli inquirenti, il condannato, «condividendo l’ideologia islamica radicale di carattere e di essere solidale con l’ideologia MTO «stato Islamico»* (vietato in Russia), in un periodo di scontare la pena in un istituto di correzione per promuovere l’islam radicale, ha condotto il lavoro di sensibilizzazione tra i condannati per giustificare il terrorismo».

33 anni di un uomo accusato di ore 1 cucchiaio di 205.2 del codice PENALE («le Pubbliche chiamate ad attività terroristiche o di apologia del terrorismo»). Lui rischia una condanna a cinque anni di reclusione.

In precedenza, questo stesso uomo è stato riconosciuto colpevole di ore 2 cucchiai di 228 («traffico di droga») e ore 1 cucchiaio di 222 («il traffico Illegale di armi») del codice PENALE. È stato condannato a 4,5 anni di reclusione.

*»Stato islamico» (IG, ISIS, ISIL) — gruppo terroristico, vietato in RUSSIA.



Sull’isola di Sakhalin trafficante di droga condannato, проповедовавший ai detenuti l’islam radicale, accusato di chiamata al terrorismo 14.09.2017