Una delle fonti di informazione, sulla base del quale è stato creato il cosiddetto «russo dossier» con compromettere il presidente degli stati UNITI Donald Trump e successivamente pubblicato BuzzFeed, è stato il presidente Russo-americana camera di commercio, un cittadino degli stati UNITI Sergei Millian (Кукуть), riferisce il Wall Street Journal citando una fonte vicina alla situazione.

Secondo i dati dell’edizione americana, è da Миллиана usciva informazioni sulla presenza dei servizi segreti russi compromettente Trump video e di cooperazione della campagna elettorale del repubblicano e delle autorità della federazione RUSSA in relazione attacchi al partito Democratico degli stati UNITI.

Nella relazione, il cui autore, secondo le informazioni dei MEDIA, è stato un ex dipendente dell’intelligence britannica Christopher Steele, Millian indicato come «fonte D» e «fonte E». Come è noto ai giornalisti, l’informazione da parte del presidente Russo-camera di commercio americana arrivata a Stile non direttamente, ma attraverso terzi.

Stesso Millian in una conversazione con i giornalisti del Wall Street Journal ha chiamato il dossier «un tentativo di deviare il futuro presidente dal lavoro vero». In questo caso la domanda, se è una fonte di informazioni, che, in particolare, ha costituito la base «russo dossier», un cittadino degli stati UNITI non ha risposto.

Secondo il giornale, originario della Bielorussia Millian vive negli stati UNITI da circa 15 anni. Dal 2006 ricopre la carica di presidente Italo-americano della camera di commercio. In particolare, Millian ha agito in qualità di esperto di economia e relazioni russia-usa per le agenzie di stampa russe, che «conosce personalmente» Trump, dicono i giornalisti.

Come indicato sul sito ufficiale sito Italo-americana camera di commercio, è una delle principali organizzazioni imprenditoriali negli stati UNITI e assiste le aziende americane in uscita sul mercato dei paesi della CSI. La camera di commercio fornisce anche informazioni sul mercato, consigli pratici, contribuisce allo sviluppo del business nei paesi della CSI.

Alla vigilia editor in chief di BuzzFeed Ben Smith in una colonna in The New York Times, spiegando le ragioni della pubblicazione «russo dossier», ha fatto riferimento al fatto che l’esistenza di un documento era noto a molti alti funzionari.

«BuzzFeed News deciso di pubblicare un dossier in un certo contesto e con le riserve per due motivi e solo dopo che, come noi, insieme con i giornalisti negli stati UNITI e in Europa hanno speso un paio di settimane, cercando di confermare o smentire affermazioni specifiche», ha annunciato.

Il giorno prima della prima grande conferenza stampa del presidente eletto degli stati UNITI, il 10 gennaio, i MEDIA statunitensi hanno riferito sul documento, che contiene informazioni circa la presenza dei servizi segreti russi di sporco su di Trump. Il portale BuzzFeed ha pubblicato una fotocopia completa di questo 35-pagina «dossier», rilevando che esso si compone di un «uomo che si fa chiamare da un ex dipendente dei servizi segreti britannici».

La CNN, a sua volta, ha riferito che l’esistenza di questa relazione l’intelligence americana informato già l’ex presidente degli stati UNITI Barack Obama e il suo successore durante il briefing 6 gennaio, dedicato a un altro soggetto — migliorato da parte della Russia.

In particolare, nel dossier si afferma che la gestione degli affari della Duma di stato della federazione RUSSA Igor Дивейкин partecipato a riunioni segrete a Mosca con l’ormai ex consigliere elettorale del Trump Carter Пейджем. Дивейкин discusso la russa dossier con il «compromesso» sul rivale Trump, Hillary Clinton, ma anche accennato al fatto che il Cremlino ha un simile dossier su Trump, si dice nel documento.

Nel fascicolo ci sono anche informazioni sui compromessi sessuali sul nuovo presidente degli stati UNITI. Secondo il rapporto, l’esplorazione russa dispone di un filmato, come il miliardario diverte con le prostitute a mosca, un albergo a cinque stelle Ritz-Carlton di lusso in quella camera, dove in precedenza ha Barack Obama con la moglie, e le prostitute urinato sulla vicenda.

In precedenza il capo della National intelligence James Clapper ha detto che ha discusso con Trump messa in stampa del dossier. Secondo lui, nel corso della conversazione, ha detto il presidente eletto, che le agenzie di intelligence degli stati UNITI non riconoscono la validità di questi documenti e non fanno alcuna conclusione sulla loro base. Stesso Trump, parlando della stessa conversazione con Клэппером riguardo al compromesso, ha detto che l’intelligenza ha riconosciuto l’invenzione stabiliti in relazione a fatti.



WSJ: la fonte «russo dossier» su Trump è stato il presidente Russo-americana camera di commercio 24.01.2017